Enthusiast Geologist Ultra

DSC_0104I am just back from EGU general assembly in Wien (Austria), where I proudly took part of the GIFT workshop, as a selected Italian Science Teacher. We spent four days in interesting lectures, pratical activity and comparison with Science teacher from all over the world.

Foto 19-04-15 12 33 39I lived this experience to the full, in fact I partecipate in workshop and related activity, but during free time I went to interesting session and I took advantage of these occasion to present my work as researcher, disseminator and teacher

Now It is time to reflect about what I have learnt and begin a new challenge, using in all my activity all my new knowledge. Keep in touch to read about my project.

 


DSC_0104Appena rientrata dal congresso EGU a Vienna, ho avuto la fortuna di essere stata selezionata tra le docenti di scienze che hanno preso parte al workshop GIFT. Sono stati 4 giorni pieni di lezioni interessanti, attività pratiche e possibilità di confronto con docenti di scienze che provenivano da tutto il mondo.

 

Foto 19-04-15 12 33 39Ho provato a vivere il congresso appieno, partecipando alle lezioni ed attività del workshop e presentando i miei lavori come ricercatrice,divulgatrice e docente. Ora è tempo di “lasciare sedimentare” quello che ho appreso e pensare a nuove sfide. Intanto, nei prossimi post vi racconterò un pò meglio dei miei attuali progetti.

Poi vanno al CERN e vincono il Nobel

LHC (Large Hadron Collider) è ripartito! Nel giorno di Pasqua il più grande acceleratore di particelle ha ripreso a funzionare dopo 2 anni di manutenzione.

Io ho avuto la possibilità di visitare il CERN (Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire) e partecipare all’ITP (Italian Teacher Program) ed ho capito come in quel luogo è davvero possibile “Accelerating Science”. Il CERN è un luogo meraviglioso dove hai tutto quello che ti serve per fare ricerca, esperimenti in continuo H24, confrontarsi con chiunque in modo informale, sentirsi rispondere anche alle domande più stupide “interessante”. L’unico problema è orientarsi tra padiglioni numerati in un modo assurdo, un vero “nightmare” a detta di chi ci lavora. Al CERN l’attività di ricerca ruota attorno ad acceleratori di particelle di diverse dimensioni, su queste strumentazioni vengono realizzati gli esperimenti che i fisici delle particelle definiscono i più semplici in assoluto: farle scontrare! Nell’LHC vengono fatti collidere atomi di Idrogeno delle dimensioni di 10−11 m dal cui scontro si generano particelle le subatomiche che compongono il modello standard, alcune delle quali solo ipotizzate e mai rilevate.

Peccato che le particelle in questione non sono visibili e possono essere identificate se non quando decadono in altre particelle che è possibile rilevare. In pratica servono metri e metri di rivelatori per ricostruire a posteriori lo scontro di particelle non visibili ad occhio nudo. Per questo tipo di ricerca collaborano tra di loro Fisici sperimentali che progettano gli esperimenti, Fisici ed Ingegneri che lavorano alla realizzazione dei rilevatori e Fisici teorici che ipotizzano cosa rilevare

http://geosita.tumblr.com/post/117789978835/e-da-qui-che-capiremo-come-e-nato-luniverso-180

Raccontato cosi viene da chiedersi perchè investire tanti soldi ed energie in questa impresa! Invece le ricadute tecnologiche sono grandiose! Basta pensare che grazie ad un protocollo che permetteva ai ricercatori del CERN di condividere file io sono qui oggi a scrivere i miei pensieri su internet, ma soprattutto le sperimentazioni della fisica delle particelle hanno avuto moltissime ricadute nel campo della medicina. Negli ultimi anni gli occhi di tutto il mondo sono stati puntati sull’LHC  per la ricerche sulla conferma del modello standard e l’esistenza del bosone di Higgs. Qualcuno ha invocato di bloccare l’esperimento per evitare la fine del mondo, in molti hanno parlato ad un grande spreco di soldi quando l’LHC si è bloccato il 19 settembre 2008, ma a luglio 2012 tutti applaudivano la scoperta del bosone di Higgs, una delle particelle sub atomiche che si è creata nei primi istanti di vita dell’universo.

Ai non fisici la teoria del Big Bang viene raccontata come una favoletta, una storia che ha del fantascientifico, da donna di scienza ho creduto a questa teoria, ma più per fede che per averla compresa del tutto. Poi ho avuto la fortuna di partecipare all’ITP e dei Fisici delle particelle mi hanno spiegato il big bang a partire da un insieme di formule matematiche e tutto ha avuto senso!

Credo che uno dei punti di forza del CERN sia proprio questo, non solo svolgere esperimenti importanti, ma rendere tutti partecipi dei loro risultati.

Se la scienza viene condivisa in modo dettagliato non esiste argomento incomprensibile!

Un altro blog a tema scientifico?

C’era proprio bisogno di un nuovo blog che parla di Scienza? forse no, ma ci tengo a dire la mia.

C’è chi fa scienza, chi la racconta e chi la insegna. Io provo a fare tutte queste cose e rifletto su i modi possibili per rendere fruibile agli utenti del web ciò che viene prodotto nei laboratori e centri di ricerca.

Geo perchè  guardo il mondo da Geologa, vorrei che tutti sappiano cosa fa un Geologo e cosa potrebbe fare per la pianificazione territoriale e prevenzione dei Rischi Naturali.

Sita sono io,  appassionata di viaggi, musica e di tutto ciò che è social.

In questo blog troverete news dal mondo delle Scienze della Terra e le mie esperienze come Geo-Pop- Sci

keep-calm-and-follow-geosita