ESA robotic labs

Ad inizio Luglio tutti hanno voglia di salire su un aereo e di partire per una spiaggia assolata, io invece sono andata nel Sud del Belgio, un luogo non proprio rinomato per il clima, ma dove si trova l’European space Security and Education Centre,  scopo del viaggio familiarizzare con la robotica educativa.

Come al solito, mi piace entrare in contatto con delle attività verso le quali sono scettica, e spesso, come in questo caso, devo ricredermi. Tre giorni mi hanno fatto innamorare delle possibilità date dall’utilizzo dei robot nell’educazione, l’amore è scattato quando è iniziata la sfida con me stessa per raggiungere gli obiettivi che ci venivano richiesti. Devo dire che uno dei punti di forza dell’approccio dell’ESA robotics and automation lab è il lavoro di gruppo, mettere insieme idee e competenze è una strategia che dovrebbe essere utilizzata non solo per la formazione “dei più grandi” ma anche nelle classi “con i più piccoli”.


Durante il corso abbiamo familiarizzato anche con Ardunio anche questa è stata una grande scoperta, come docente di tecnologia/fisica molto probabilmente farei utilizzare ai miei studenti questo strumento molto più di tanti libri di testo. Molte delle attività che abbiamo utilizzato durante questo corso sono disponibili sul sito ESA education e pronte da usare in classe.

 

Last, but not least abbiamo visitato l’Eurospace center  un posto da non perdere se volete fare una passeggiata sulla Luna o su Marte oppure provare come si allenano gli astronauti prima di partire per lo spazio.


Il mio malandato orecchio ringrazia, ma non potevo non provare!

Solo tre giorni, ma che hanno permesso di creare un bel gruppo da cui prevedo nasceranno interessanti collaborazioni. Riuscite a trovarmi nella foto?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *