MALIA su ROL

In alcuni dei miei precedenti post vi ho parlato del progetto Erasmus+ Marine litter awareness hands on actions through learning by doing (MALIA) che ho coordinato per AIRIcerca. In questi due anni di lavoro siamo stati davvero bravi ed attivi (forse anche troppo per un progetto di questa portata) ed oltre a produrre un sito e materiali didattici abbiamo anche pubblicato i risultati della nostra attività su i Rendiconti On line della Società geologica Italiana.

Devo dire vado davvero fiera di questo lavoro, sopratutto perchè racchiude i contributi di anime molto diverse tra di loro e mettere insieme le nostre esperienze con un linguaggio comune è stato un esperienza interessante.

MALIA

Con il mio solito “elegante ritardo” a luglio 2018 vi ho riassunto la mia attività per il progetto Marine litter awareness hands on actions through learning by doing (MALIA) ed il più velocemente possibile sono qui a raccontarvi del secondo anno del progetto.

La mia partecipazione in questo progetto, come coordinatrice per AIRIcerca, ha cambiato la mia percezione del problema dell’inquinamento dei mari da parte della plastica, in particolare quella monouso. Grazie al progetto abbiamo raccolto dati in 4 siti tra mar mediterraneo e oceano atlantico, ed abbiamo costatato che nonostante le diverse normative e regolamentazione, l’inquinamento da plastica è un problema comune, da affrontare globalmente.

Per questo motivo insieme agli altri partner del progetto abbiamo realizzato delle attività didattiche da realizzare in classe modo da sollevare il problema con i cittadini di domani. In particolare io ho realizzato una lezione dove i ragazzi devono creare un ipotetica roccia del futuro, che potrebbe essere molto diversa dalle rocce che vediamo attualmente dato quello che ritroviamo attualmente in mare.

A breve dovrebbero essere disponibili anche le attività in italiano, ma intanto vi consiglio di iniziare a dare un occhiata ai materiali in inglese.

Congresso SGI-SIMP Catania

Il congresso annuale della Società Geologica Italiana è un importante momento di confronto per la Geologia in Italia. La presenza di un apposita sessione che riguarda le Geoscienze a Scuola è un momento quasi unico nel panorama italiano, che che permette ai docenti di tutta Italia di presentare i loro lavori e confrontarsi su quali sono le sfide dell’insegnamento delle Scienze della Terra.

Come negli anni precedenti ho presentato due dei lavori che ho portato avanti nell’ultimo anno, il progetto MALIA e la mia partecipazione all gruppo dei developer di Europeana DSI-3. Ne ho già parlato nel mio blog , ma vi lascio i poster con tutti i riferimenti per utilizzare le risorse elaborate in questi progetti. Enjoy! e se avete idee o richieste lasciate un commento.







Marine litter awareness hands on actions through learning by doing 

Da febbraio sto coordinando per AIRIcerca un progetto Erasmus+ dal nome sintetico Marine litter awareness hands on actions through learning by doing  che abbiamo deciso di identificare con l’acronimo MALIA.

 

Il progetto ha lo scopo di inserire nel curriculo scolastico dei paesi partecipanti (Cipro, Italia, Portogallo, Spagna) la problematica dell’inquinamento dovuto alle plastiche nei mari ed oceani. Sono entrata in questo progetto con l’associazione grazie ad un progetto Erasmus+ in cui sono stata coinvolta ENVImobile. A febbraio ci siamo incontrati con tutti i partner a Paredes per il primo meeting, ed ho subito capito che saranno due anni pieni di cose interessanti e di lavoro.

 

La cosa bella di questo progetto è che vede scuole ed associazioni coinvolte non solo impegnate a realizzare materiali e gestire il progetto, ma anche sporcarsi le mani! infatti il progetto prevede una settimana di attività in tutti i paesi partecipanti durante la quale è prevista una pulizia delle spiagge. La prima si è svolta durante il meeting in Spagna ad Aguilas, nella regione di Murcia.

Questo Meeting, di cui spero di raccontarvi presto, si è svolto subito dopo la Terza Conferenza di Scientix a cui ho presentato ad una platea di decisori politici, ricercatori e docenti europei il progetto MALIA.